Navigazione contenuti

Contenuti del sito

TRA LE CHIESE NORMANNE PIù ANTICHE DEL MEDITERRANEO

Immagine dell'articolo

Una delle più antiche chiese normanne in Sicilia ma oggi è rimasto solo il rudere della chiesa di Santa Maria di Campogrosso, da tutti conosciuta come la “Chiesazza”.
La chiesa, o meglio quel che ne rimane, si trova  a circa 2 chilometri da Altavilla Milicia, a non più di una ventina di chilometri dal Capoluogo di regione siciliano, ben visibile  dall’autostrada Palermo-Catania, subito dopo lo svincolo di Altavilla appunto. È situata su un promontorio da cui è visibile tutto il golfo di Casteldaccia.

Sita sul promontorio dove sorge anche la Grotta Mazzamuto,  che custodisce i resti fossili di animali preistorici, la “Chiesazza” si presenta come il rudere di  un edificio di culto imponente  con annesso un monastero basiliano.
Pare che sia stato Ruggero d’Altavilla a costruire la chiesa nel 1068, come ex voto per la battaglia vinta contro gli arabi. Oggi dell’unica navata restano solo le pareti, di cui sono ancora visibili i contrafforti, come la base dell’abside e del transetto meridionale.

Le ultime campagne di scavo sono state realizzate, tra il 2015 ed il 2016, da ricercatori polacchi in forza all’Istituto di Archeologia ed Etnologia dell’Accademia delle Scienze.

09/01/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

23 GEN 2021

CONTE NON CEDE: MEGLIO LE ELEZIONI

Il premier Conte esclude la possibilità di riaprire un dialogo con il leader di Iv.

23 GEN 2021

NAPUL'E' MANIFESTO DELLA CULTURA PARTENOPEA

Un brano che racconta Napoli come solo un grande artista sa fare

22 GEN 2021

PIETRO BENASSI RICEVE LA DELEGA AI SERVIZI SEGRETI

Il gesto del premier Conte viene interpretato come un tentativo di ricostruire la maggioranza.

22 GEN 2021

GERMANIA: LA MERKEL APRE A BIDEN

C'è già intesa tra la Cancelliera e il Presidente USA

22 GEN 2021

GLI AGRICOLTORI CHIEDONO AIUTO ALL'EUROPA

Richiesta l'estensione degli aiuti di Stato

21 GEN 2021

USA-UE: L'EUROPA VUOLE RIVEDERE LE RELAZIONI TRANSATLANTICHE

Da Bruxelles si spera di cogliere una grande opportunità