Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

COVID IN AZIENDA: SCOPPIA IL CASO A PALIANO IN PROVINCIA DI FROSINONE

Immagine dell'articolo

Nella zona industriale del comune di Paliano (FR) ed esattamente nell’azienda “ PRIMA COMPONENTS PALIANO SRL” la mattina di mercoledì scorso sono emersi dei casi di operai contagiati dal Covid 19.

Il panico scoppia tra le forze lavoro, e non solo….. ma “bisogna andare avanti” la fabbrica continua la produzione, gli operai continuano regolarmente a lavorare, la produzione non si ferma, il profitto viene prima di tutto!

Anche il sindaco del Comune, avvisato prontamente dell’accaduto, si limita a rassicurare i cittadini ma non emette alcun provvedimento in merito

L’azienda conta circa 150 unità lavorative e la produzione lavora a ciclo continuo su 3 turni, e nei giorni di mercoledì e giovedì gli operai continuano a recarsi a lavoro e a svolgere regolarmente le loro funzioni, solo nel primo pomeriggio di giovedì la direzione sottopone i primi operai a tampone.

Il risultato è che emergono nuovi positivi, ovviamente allontanati, ma che comunque potenzialmente possono essere stati ignari “untori” di altri colleghi, che sempre presumibilmente, tamponati nell’immediato possono anche essere risultati negativi al tampone ma senza avere la certezza che lo siano realmente e così il caos va avanti fino al fine settimana quando si spera, ma non si hanno dati certi in merito, nè comunicazioni ufficiali, l’azienda viene sanificata. Il dato sempre ufficioso, ma verificato, è che al 28/02/2020 sono risultati positivi al tampone 33 operai

Questo fatto emblematico ci pone l’obbligo, come cittadini, di fare delle domande:

Non ci sono dei protocolli sanitari da seguire in questi casi di emergenza? Non sarebbe quantomeno stato necessario agire tempestivamente procedendo ad una sanificazione di tutta l’azienda subito appena emersi i primi casi e poi il personale prima di rientrare a lavoro, approntando drive in esterni, non doveva essere sottoposto ad uno screening, prima di entrare a contatto l’un l’altro in modo da non diffondere l’infezione? Quale è stato il ruolo dei sindacati tutti a difesa dei lavoratori? Ad oggi ancora non risulta che siano stati fatti comunicazioni ufficiali da parte alcuna.

E il sindaco, come responsabile sanitario della comunità, non doveva agire diversamente al fine di tutelare e proteggere la comunità tutta?

Da nostre fonti accertate ci risulta che i poveri lavoratori risultati positivi abbiano già purtroppo infettato le proprie famiglie, dove in alcuni casi erano presenti anche persone fragili con patologie pregresse e che stiano vivendo momenti di estrema difficoltà.

E’ possibile che ad un anno dall’inizio della pandemia ci sia ancora tanta approssimazione ad affrontare casi di emergenza? La salute della gente deve sempre essere messa al primo posto!

Con questo articolo che riporta solo la cronaca di un fatto, non vogliamo puntare il dito su nessuno, ma stare a fianco di chi per compiere il proprio dovere e si reca tutti i giorni a lavoro mettendo a rischio se stessi e le proprie famiglie, perché chi ha il dovere di tutelarli non vi riesce adeguatamente.

Speriamo solo che le cose cambino e che si impari dagli errori commessi, ma soprattutto speriamo che da oggi si cominci seriamente a intervenire su questa e le altre situazioni di emergenza che magari non sono emerse, magari cercando di monitorare in maniera continua e sistematica i lavoratori fino a quando non si esca definitivamente da questa situazione di estremo pericolo, che non riguarda solo una parte circoscritta, ma tutti noi cittadini.

 Fonte:  http://www.imprese-news.it/PrimoPiano/Esploso/3273/COVID-IN-AZIENDA-SCOPPIA-IL-CASO-A-PALIANO-IN-PROVINCIA-DI-FROSINONE

 

01/03/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

22 APR 2021

GIOVANI E FOLKLORE NELLE CAMPAGNE LOMBARDE

Un' occasione per i più giovani di conoscere la tradizione agreste

22 APR 2021

TERRORISMO: ARRESTATO IL COMPLICE DELLA STRAGE DI NIZZA

Nell’attentato di Nizza nel 2016, morirono 86 persone. Il fondamentalista islamico guidò a zig-zag per falciare più persone possibili.

22 APR 2021

EUROPA IN PRIMA FILA PER RIDURRE LE EMISSIONI

Fissato il target da raggiungere entro il 2030

22 APR 2021

MIGRANTI, I MINORI SCOMPAIONO

Il triste trend quotidiano

21 APR 2021

PIERA MAGGIO SFOGO IN TRASMISSIONE A CHI L’HA VISTO

PUNTATA SPECIALE PER LA TRASMISSIONE “CHI L’HA VISTO” CHE HA OSPITATO PIERA MAGGIO

21 APR 2021

DEPOSITATE TRE MOZIONI DI SFIDUCIA CONTRO SPERANZA

Come previsto da palazzo Madama, la convergenza tecnica ha permesso di raggiungere le 33 firme necessarie per depositare la mozione.