Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

TENSIONI AL CORTEO ANTAGONISTI A TORINO, MANIFESTANTI RESPINTI CON IDRANTI

Immagine dell'articolo

La città di Torino è diventata il palcoscenico di vivaci proteste durante il G7, con tensioni che hanno coinvolto manifestanti e forze dell'ordine. La manifestazione degli antagonisti contro il G7 ha visto scontri con la polizia, culminati nell'uso di idranti e lacrimogeni per disperdere i partecipanti.

Il corteo, composto principalmente da militanti del centro sociale Askatasuna e collettivi studenteschi, è stato respinto con decisione dalle autorità mentre cercava di avanzare lungo via Po, una delle strade principali della città. I manifestanti, oltre un centinaio, hanno cercato di raggiungere la piazza Castello, dove si teneva la cena delle delegazioni del summit, ma sono stati bloccati dalla polizia che ha impedito loro l'accesso.

L'obiettivo dichiarato del corteo era disturbare i potenti del mondo nei loro alloggi e nelle loro attività, esprimendo così il loro dissenso nei confronti del G7 e delle politiche da esso promosse. Tuttavia, gli scontri con le forze dell'ordine hanno portato a una rapida escalation della situazione, con alcuni manifestanti che hanno attaccato gli agenti con aste e bastoni, scatenando la reazione delle autorità.

Parallelamente, altri attivisti hanno agito in modo simbolico, rimuovendo uno striscione di Extinction Rebellion dal tetto della facoltà di biologia di Torino. Questo gesto di protesta si inserisce in un contesto più ampio di mobilitazioni contro il G7 e le sue politiche ambientali, che alcuni gruppi ritengono non sufficientemente incisive nella lotta contro il cambiamento climatico e la crisi ecologica.

Intanto, a Venaria Reale, sede della riunione ministeriale del G7 Ambiente, Energia e Clima, il ministro Gilberto Pichetto ha ribadito l'impegno del summit nei confronti della protezione dell'ambiente e della lotta al cambiamento climatico. Pichetto ha sottolineato l'importanza della cooperazione internazionale e di un approccio pragmatico per affrontare le sfide legate alla sicurezza energetica e alla tutela dell'ambiente.

Le manifestazioni e i presidi contro il G7 proseguono, con attivisti che annunciano nuove iniziative a Torino e Venaria. L'obiettivo è quello di far sentire la voce della protesta e di mettere in discussione le politiche dei leader mondiali riuniti al summit.

Mentre le autorità si preparano ad affrontare ulteriori proteste, la tensione resta alta in città, con la popolazione divisa tra chi sostiene le manifestazioni e chi le condanna per i disordini che generano. In questo clima di fermento sociale, resta da vedere quale sarà l'esito delle mobilitazioni contro il G7 e quali risposte verranno date dalle istituzioni alle richieste di cambiamento avanzate dagli attivisti.

29/04/2024

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

24 LUG 2024

TRUMP E HARRIS IN PARITÀ NELLA CORSA ALLA CASA BIANCA

Trump-Harris, sondaggio: è testa a testa

24 LUG 2024

TEMPESTA SOLARE IN ARRIVO POTREBBE PROVOCARE BLACKOUT DIFFUSI

Allerta Internazionale

23 LUG 2024

SCAMPIA: DUE MORTI E TREDICI FERITI A CAUSA DEL CROLLO DI UN BALLATOIO

Aperta un'indagine contro ignoti per crollo colposo e omicidio colposo

23 LUG 2024

KAMALA HARRIS PRONTA ALLA NOMINATION

Attacco a Trump e Sostegno dei Leader Dem

23 LUG 2024

"MICOL" DI ANDREA CATANA: UN'AVVINCENTE AVVENTURA TRA CRIMINE E PASSIONE

"MICOL" DI ANDREA CATANA: UN'AVVINCENTE AVVENTURA TRA CRIMINE E PASSIONE

19 LUG 2024

INES CURZIO RACCONTA LA SUA NUOVA OPERA "IL MARCHIO DEI WAUNIR"

INES CURZIO RACCONTA LA SUA NUOVA OPERA "IL MARCHIO DEI WAUNIR"