Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

IL 2023 SULLA VIA DI UN TRISTE PRIMATO: L'ANNO PIÙ CALDO MAI REGISTRATO

Immagine dell'articolo

L'anno in corso, il 2023, si avvicina inesorabilmente a un primato che nessuno auspica: sarà quasi certamente il più caldo della storia moderna. I segnali allarmanti non accennano a placarsi, e il mese di novembre ne è stata l'ulteriore conferma, il sesto consecutivo ad aggiungersi alla serie di record di calore senza precedenti.

Secondo le ultime rilevazioni del programma Copernicus dell'Agenzia Spaziale Europea, il mese di novembre ha visto una media di temperatura di 14,22 gradi Celsius. Questo valore supera di 0,85 gradi la media degli ultimi 30 anni, un'evidente prova dell'incessante riscaldamento del nostro pianeta.

Samantha Burgess, vicedirettrice di Copernicus, non nasconde la gravità della situazione. "L'ultimo semestre è stato davvero scioccante", afferma Burgess, evidenziando come gli scienziati si trovino quasi a corto di aggettivi per descrivere la tempesta climatica che stiamo vivendo. È un campanello d'allarme che non può essere ignorato.

Il chiaro monito che emerge da queste analisi è che la temperatura globale continuerà a salire fintanto che l'umanità continuerà a riversare gas serra nell'atmosfera. Le conseguenze di questo trend inarrestabile sono preoccupanti: inondazioni sempre più catastrofiche, incendi dilaganti, ondate di caldo e siccità protratte saranno solo alcune delle sfide che dovremo affrontare.

Burgess sottolinea la correlazione diretta tra l'aumento delle emissioni di gas serra e gli eventi climatici estremi che stiamo vivendo. È una realtà incontestabile: se non si agisce con decisione per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili, il futuro riserverà scenari sempre più catastrofici.

La sfida di fronte a noi è chiara e urgente: è necessario un cambiamento di rotta immediato. Ridurre le emissioni, investire in fonti energetiche sostenibili, promuovere politiche volte a mitigare i danni climatici sono azioni cruciali che richiedono un'immediata attuazione.

Non possiamo più permetterci di rimandare le decisioni cruciali per il futuro del nostro pianeta. Il 2023, segnato da record di calore, ci sta consegnando un messaggio chiaro: il tempo stringe e le azioni devono essere concrete e coordinate a livello globale per salvaguardare il nostro ambiente e il nostro futuro.

08/12/2023

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

28 FEB 2024

ATLETICA: ROMA RITIRA LA CANDIDATURA PER I MONDIALI DEL 2027

Assenza di Fondi Determinante

28 FEB 2024

PUTIN DEFINITO UN "MAFIOSO SANGUINARIO" DA YULIA NAVALNYA AL PARLAMENTO EUROPEO

L'urlo di dolore di una vedova

28 FEB 2024

TRA SOGNO E MAGIA CON "FAVOLE 2.0" IL NUOVO LIBRO DI FRANCESCA GIACOMELLO

TRA SOGNO E MAGIA CON "FAVOLE 2.0" IL NUOVO LIBRO DI FRANCESCA GIACOMELLO

27 FEB 2024

TRUZZU SCONFITTO NELLE ELEZIONI REGIONALI IN SARDEGNA

La vittoria alle regionali alla Todde, centrosinistra, per una manciata di voti

26 FEB 2024

LA POETESSA ANNA PAPPALETTERA SI RACCONTA IN UNA INTERVISTA

LA POETESSA ANNA PAPPALETTERA SI RACCONTA IN UNA INTERVISTA

26 FEB 2024

TRUZZU IN VANTAGGIO NELLE ELEZIONI REGIONALI IN SARDEGNA

L'attesa continua