Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

RECENSIONE DEL LIBRO “ IL MIO MIGLIORE AMICO DI GIOCHI” DI SANDRO CARTEI

Immagine dell'articolo

Non potevamo non recensire Il Migliore Amico di giochi " di Sandro Cartei con edizioni Sportitalia Edizioni.

Quanto si può amare un pallone? E quanti ricordi può racchiudere ?

Un libro malinconico, a tratti divertente e certamente romantico, un libro che naviga tra i ricordi di un tempo lontano presente nei ricordi e negli occhi. 

Cosa può racchiudere un pallone? E cosa può significare? 

Un vecchio pallone di cuoio rattoppato, trovato per caso in un campetto parrocchiale: oggi un“oggetto” insignificante, ma per noi, figli di quella generazione nata negli anni ottanta, un oggetto dal significato indescrivibile. Ore, giornate, anni passati a dare calci a quel pallone “fantasticando con la mente immaginandomi chissà quale partita e chissà in quale stadio”. Poi ti accorgi che il tempo scorre veloce, diventi adulto, ma il tuo “migliore amico di giochi” è sempre lì a fianco a te, insegnandoti le cose fondamentali e l’essenza della vita stessa: il sacrificio, la disciplina, il rispetto,il dolore (anche fisico), la gioia, il divertimento, la fortuna, la sfortune. 

Un libro da leggere per tutti i nati in quel mondo senza tempo in cui un pallone che rotolava aveva ancora un profondo significato, un mondo fatto di partite per strada e campioni descritti per radio, ben lontani dal calcio di oggi miliardario e poco poetico.

Queste le parole dell'autore sul testo " Ad appena 17 anni, non ancora compiuti, ebbi la fortuna di giocare titolare, fin da subito, in una squadra di una buona categoria a livello dilettantistico regionale. Poi il bivio: il calcio o la scuola? Il calcio o il lavoro? Scelsi la scuola ed il lavoro, ma il mio migliore amico di giochi mi ha fatto sentire “calciatore vero” e mi ha sempre accompagnato come “una lieve brezza, che mi dava sollievo e divertimento, durante le esperienze “vere” della vita”. Un libro da leggere non senza versare qualche lacrima di malinconia. 

21/08/2020

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

24 OTT 2021

TORINO: DOPO 30 ANNI RIAPERTO IL CASO DELLA“SIGNORA IN ROSSO”

Al tempo le indagini non portarono all’assassino, ma grazie alle nuove tecnologie, la procura torna ad investigare sul caso.

24 OTT 2021

INCIDENTE MORTALE SUL SET DEL FILM “RUST”

Nessuna finzione, la pistola spara sul serio e colpisce

23 OTT 2021

CELINE DION RIMANDA IL TOUR A PRIMAVERA, STA MALE

L'artista più venduta di sempre ha bisogno di una pausa

23 OTT 2021

CINA: LEGGE PER PUNIRE GENITORI DI FIGLI INEDUCATI

Il governo cinese introdurrà un programma di educazione familiare, nel caso i ragazzi abbiano comportamenti inadeguati.

22 OTT 2021

DALLA COREA ARRIVA LA ZANZARA CHE SI ADATTA AL FREDDO

Rischiosa sull’ambiente e sull’uomo

22 OTT 2021

IVREA: GARANTE DEI DETENUTI PARAGONA DRAGHI ALL’EXTERRORISTA BATTISTI

La donna, no vax e no Green pass, aveva criticato più volte il governo, ma il parallelo tra il premier e l’ex criminale, potrebbe costarle l’incarico.