Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

DONNE AFGANE: SERVE UN PROGRAMMA PRECISO

Immagine dell'articolo

La presa al potere dell'Afghanistan da parte dei talebani e la violenza perpetrata preoccupano molto l'Europa.
 
Il Parlamento chiede maggiore attenzione e protezione alle categoria più deboli, soprattutto alle donne.
 
L'evacuazione dei cittadini UE e degli afghani a rischio va favorita con misure idonee.

Preoccupano le violente esecuzioni di civili e membri delle forze di sicurezza nazionale afghane, fenomeni come il reclutamento di bambini soldato, la repressione delle proteste pacifiche e le restrizioni dei diritti umani imposte.

I rifugiati cercano protezione nei Paesi vicini.
 
E' dunque necessaria la creazione di un corrodoio di aiuti umanitari, ivi incluca la fornitura di aiuti alimentari, acqua, servizi igienico-sanitari e medicinali. 

17/09/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

24 OTT 2021

TORINO: DOPO 30 ANNI RIAPERTO IL CASO DELLA“SIGNORA IN ROSSO”

Al tempo le indagini non portarono all’assassino, ma grazie alle nuove tecnologie, la procura torna ad investigare sul caso.

24 OTT 2021

INCIDENTE MORTALE SUL SET DEL FILM “RUST”

Nessuna finzione, la pistola spara sul serio e colpisce

23 OTT 2021

CELINE DION RIMANDA IL TOUR A PRIMAVERA, STA MALE

L'artista più venduta di sempre ha bisogno di una pausa

23 OTT 2021

CINA: LEGGE PER PUNIRE GENITORI DI FIGLI INEDUCATI

Il governo cinese introdurrà un programma di educazione familiare, nel caso i ragazzi abbiano comportamenti inadeguati.

22 OTT 2021

DALLA COREA ARRIVA LA ZANZARA CHE SI ADATTA AL FREDDO

Rischiosa sull’ambiente e sull’uomo

22 OTT 2021

IVREA: GARANTE DEI DETENUTI PARAGONA DRAGHI ALL’EXTERRORISTA BATTISTI

La donna, no vax e no Green pass, aveva criticato più volte il governo, ma il parallelo tra il premier e l’ex criminale, potrebbe costarle l’incarico.