Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

VACCINI: ALLARME SU TELEGRAM

Immagine dell'articolo

Sono ancora in corso le indagini sul commercio di dubbia entità di dosi di vaccino su Telegram.
 
Ogni dose verrebbe commercializzata a 155 euro, con costi che arrivano a 20.000 euro per uno stock di 800 fiale.

La Guardia di finanza sta indagando anche perché nell'acquisto vengono garantiti elementi quali la "garanzia di anonimato, tracciabilità della spedizione, imballaggio a temperatura refrigerante controllata e persino richiamo incluso nell’offerta", si legge nella nota diffusa dalla Gdf.
 
Un business, questo, che rischia di compromettere l'attuale campagna vaccinale.
 
La compravendita sarebbe gestita attraverso Telegram che poi indirizza l’acquirente nei Market places dedicati all’acquisto dei vaccini.

L'acquisto, infine, avverrebbe unicamente tramite criptovalute.

Come se non bastasse, i commercianti hanno anche reso disponibile un apposito Servizio Clienti con utenze anonime.


05/04/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

22 APR 2021

GIOVANI E FOLKLORE NELLE CAMPAGNE LOMBARDE

Un' occasione per i più giovani di conoscere la tradizione agreste

22 APR 2021

TERRORISMO: ARRESTATO IL COMPLICE DELLA STRAGE DI NIZZA

Nell’attentato di Nizza nel 2016, morirono 86 persone. Il fondamentalista islamico guidò a zig-zag per falciare più persone possibili.

22 APR 2021

EUROPA IN PRIMA FILA PER RIDURRE LE EMISSIONI

Fissato il target da raggiungere entro il 2030

22 APR 2021

MIGRANTI, I MINORI SCOMPAIONO

Il triste trend quotidiano

21 APR 2021

PIERA MAGGIO SFOGO IN TRASMISSIONE A CHI L’HA VISTO

PUNTATA SPECIALE PER LA TRASMISSIONE “CHI L’HA VISTO” CHE HA OSPITATO PIERA MAGGIO

21 APR 2021

DEPOSITATE TRE MOZIONI DI SFIDUCIA CONTRO SPERANZA

Come previsto da palazzo Madama, la convergenza tecnica ha permesso di raggiungere le 33 firme necessarie per depositare la mozione.