Aria Mediterranea

Attualità

SICUREZZA STRADALE, IL NUOVO IMPEGNO DELL'UE

Immagine dell'articolo

Raggiunto un accordo sul regolamento sulla sicurezza generale rivisto che sarà in vigore dal 2022

Le nuove tecnologie sul mercato possono contribuire a ridurre il numero di morti e feriti sulle strade, il 90 % dei quali è dovuto ad errori umani.

Nel maggio 2018 la Commissione ha proposto di rendere obbligatorie alcune misure di sicurezza dei veicoli, quali i sistemi che riducono il pericoloso angolo cieco di autocarri e autobus e le tecnologie che avvertono il conducente in caso di sonnolenza o distrazione.

I dispositivi di sicurezza avanzati ridurranno il numero di incidenti, spianeranno la strada a una mobilità sempre più connessa e automatizzata e miglioreranno il vantaggio dell'industria automobilistica europea in termini di innovazione e competitività a livello mondiale.

Elzbieta Bienkowska, commissario responsabile per il Mercato interno, l'industria, l'imprenditoria e le PMI, ha dichiarato: "Ogni anno 25.000 persone perdono la vita sulle nostre strade. La maggior parte degli incidenti letali è causata da errori umani e noi possiamo e dobbiamo agire per operare un cambiamento. L'impatto dei nuovi dispositivi di sicurezza avanzati che diventeranno obbligatori può essere analogo a quello avuto con l'introduzione delle cinture di sicurezza. Molti dei nuovi dispositivi esistono già, in particolare nei veicoli di fascia alta; si tratta ora di aumentare la sicurezza in tutti i veicoli e di spianare la strada alla mobilità connessa e automatizzata del futuro".

Attualità | di Marco Ottaviani | 26/03/2019


Condividi con

COMMENTI
Nessun commento presente