Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

IL CASO MATTEI

Immagine dell'articolo

Vorrei riportare alla memoria della cronaca il caso del mistero che riguarda Enrico Mattei il 29 aprile compirebbe gli anni, e visto che è da poco passata la Festa della  Liberazione e combatté tra i Partigiani.

Ma non è questo che lo  lega ad un fatto misterioso. L'industriale, proprietario di una fabbrica di prodotti chimici, è  un uomo che si dà da fare, un autentico self-made man che partendo dal basso riesce a diventare, anche grazie al legame con la sinistra democristiana, deputato della Repubblica nella prima legislatura. Prima dell’incarico istituzionale, però, al termine della guerra viene nominato liquidatore dell’Agip, Azienda generale italiana petroli. Mattei, anziché smantellare l’azienda secondo le indicazioni ricevute, la tiene in vita per alcuni anni, trasgredendo, per sua stessa ammissione, a un’infinità di ordinanze, per poi, con grande fiuto per gli affari, ristrutturarla e farla confluire nel 1953 nella nascente Eni, Ente nazionale idrocarburi. La mossa è giustificata dal fatto che qualche anno prima, nel 1949, Enrico Mattei ha scoperto a Cortemaggiore, in Val Padana, un piccolo giacimento di petrolio; un ritrovamento che fa impennare la sua popolarità.

il 27 ottobre 1962. Mancano pochi minuti alle 19 e un aereo si avvicina all’aeroporto di Milano Linate.  partito un paio d’ore prima dall’aeroporto di Catania. Mattei sta facendo ritorno a Milano dopo alcuni incontri e comizi fatti in Sicilia, invitato personalmente dal governatore democristiano della Regione Siciliana Giuseppe D’Angelo, appena riconfermato al timone della regione. Sono le 18.55, la visibilità non è ottimale e Bertuzzi comunica alla torre di controllo di Linate il suo imminente atterraggio: “Sono a duemila piedi, sono in virata di base”.

Trascorrono due minuti, sono le 18.57, e il velivolo improvvisamente si schianta al suolo in località Bascapé, provincia di Pavia, a una decina di chilometri dall’aeroporto.

Il caso comincia a prendere le fattezze del giallo. La commissione d’inchiesta formata allo scopo ha le idee chiare: si è trattato di un tragico incidente aereo dovuto alle condizioni atmosferiche sfavorevoli di quella sera. Giunge il 1966 e a tre anni dall’incidente il caso viene archiviato per insussistenza dei fatti.

27/04/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

05 MAG 2021

BICENTENARIO DELLA MORTE DI NAPOLEONE BONAPARTE

Il presidente francese Macron parteciperà alla commemorazione, ma nel suo discorso parlerà delle tante sfaccettature di Napoleone.

05 MAG 2021

LO SCETTRO DELLA RAI

La classe politica vuole dire la sua e vuole incidere nella linea editoriale e nelle scelte operative.

05 MAG 2021

UE: STOP ALLA CINA

Gli accordi commerciali vengono frenati. Ecco cosa è accaduto

05 MAG 2021

EUROPA: BAGARRE SUL CASO FEDEZ

Chiesta indagine sui vertici Rai

04 MAG 2021

DELITTO VANNINI: CONDANNATA TUTTA LA FAMIGLIA CIONTOLI

Cosa sia accaduto veramente nella casa della fidanzata di Marco la notte di quasi sei anni fa, non lo scopriremo mai, ma finalmente i colpevoli sconteranno la loro pena in carcere.

04 MAG 2021

NAPOLI: SAN GENNARO COMPIE IL MIRACOLO

Nonostante il prodigio della liquefazione del sangue, non si fosse realizzato durante la consueta cerimonia del primo sabato di maggio, ieri alle ore 17 e 15 minuti circa, è stata mostrata ai fedeli l’ampolla con il sangue discioltosi.