Navigazione contenuti

Contenuti del sito

World Press Photo Story of the Year

Immagine dell'articolo

Il più grande concorso di fotogiornalismo, il World Press Photo Story of the Year, è stato vinto dalle foto di Pieter Ten Hoopen, che con le sue foto ha raccontato una grossa questione di rilevanza giornalistica

La storia in questione è quella delle migliaia di persone che dall’Honduras, tra ottobre e novembre 2018, si sono unite nella carovana di migranti diretta verso gli Stati Uniti.

Ten Hoopen ha spiegato che voleva mostrare cosa significa mettersi per strada verso una nuova raccontandone gli aspetti umani e i rapporti tra le persone.

La storia di questa carovana di persone ha degli aspetti incredibili, in primis da come si è autorganizzata, attraverso l’uso dei social che ha poi attirato anche l’attenzione dei media, diffondendosi tra diverse popolazioni, che per più motivi hanno deciso di mettersi in viaggio, per sfuggire dalla guerra alcuni, per sfuggire dalla miseria altri, e singolari sono le modalità del viaggio che trasformatosi in una carovana ha offerto protezione e condivisione dai problemi e dalle difficoltà di questo viaggio verso la speranza, sottraendo linfa al traffico illegale che sfrutta il bisogno dei migranti per soldi

La curatrice Yumi Goto, componente della giuria, ha affermato che la storia le è piaciuta per il forte senso di dignità che emerge dalle foto: «Mi parla di speranza, del suo vero significato».

Il fotografo Hoopen è dell’agenzia Agency VU di Parigi ed è tra i fondatori di Civilian Act a Stoccolma, Svezia, dedicata alla consulenza nel campo della narrazione visiva e di programmi di insegnamento per ONG, aziende e organizzazioni.

Da tempo si occupa di guerre e crisi umanitarie ed è stato a lungo a Kabul, in Afghanistan, in Iraq e in Kenya per raccontare quelle storie difficili con le sue immagini.

Oggi con l’attribuzione di questo prestigioso premio riceverà 10mila euro che sicuramente saranno investiti in uno dei suoi racconti fotografici di questo difficile e complicato mondo

02/05/2019

Inserisci un commento

Nessun commento presente

Ultimissime

15 NOV 2019

L'IMMIGRAZIONE? UNA QUESTIONE PER "POCHI"

I due terzi delle presenze sono concentrati in quattro nazioni

15 NOV 2019

EDUCAZIONE SESSUALE: FARI PUNTATI SULLA POLONIA

Sicurezza dei giovani a rischio senza adeguata educazione sessuale e più fondi per le organizzazioni che offrono educazione sessuale, queste le priorità dell'Unione

14 NOV 2019

I VENERDÌ SUL CLIMA AL MUSEO

I cambiamenti climatici al centro di un nuovo lavoro al Museo Civico di Zoologia

13 NOV 2019

LA CRESCITA DELL'EUROPA IN UN CONVEGNO

Ci sarà venerdì 15 novembre al Teatro Toniolo

12 NOV 2019

EURISPES: MEDITERRANEO PONTE DI PACE

Domani alle 13 al Senato della Repubblica...

11 NOV 2019

IRAQ: CINQUE ITALIANI FERITI

Convoglio vittima di una bomba